Questa etichetta mi prude - UXPD
Torna al Blog

Questa etichetta mi prude

Gen 28, 2021 / by Lorenzo Moro / In Blog

Una volta frequentavo una ragazza – ah i tempi da studente a Bologna, nostalgy take me away (non fa rima ma siamo in un sito di marketing e comunicazione, gli inglesismi sono obbligatori, eh) – che ci metteva pomeriggi interi per scrivere stupide e banali email al professore di turno. Quando riusciva a superare l’incredibile ostacolo del “Prof. o Professore???”

Una volta decisa la formula migliore con cui iniziare l’email, il tripudio di insicurezza, panico e coseacasoTM proseguiva con:

“Prof. taldeitali, buonaser..” No no, e se poi la legge di giorno?

Canc canc canc

“Prof taldeitali, salve” No, no, mia mamma dice che Salve è da bifolchi

Canc can canc

3 ore dopo (e due miei tentativi di farla finita)

“Prof. Taldeitali, i miei ossequi, sono una sua studentessa, Le scrivevo per chiederLe blablabla cose inutili cose inutili”

Risposta del prof: “salve, si.”

Tre ore per chiedere una baggianata ad un professore che buona grazia se ha letto quel che c’era scritto e ha risposto con un saluto da bifolchi (dicono) seguito da un monosillabo. Io all’epoca impazzivo. Non riuscivo a capire perché non andasse al sodo. Glielo dicevo anche “vè che non è che se gli dici buonasera e la apre di giorno ti risponde di no ad una domanda la cui risposta è sì. Non cambia nulla, basta che sei educata – non, ciao bro, confermi l’esame per doma? YO – e sei a posto, non è mica il megadirettore galattico di stocazzo.” Ma no, non ci sono mai riuscito. Giorni e giorni per scrivere email inutili, chiaro sintomo e preambolo di un incontro che avrei fatto qualche anno più tardi, una volta lasciate le lussuriose aule di Via Zamboni: l’aziendalese.

Non era lei il problema, non erano nemmeno quelle email. Ero io, che allora – come oggi – non capivo il senso di parlare al prossimo in un gergo verboso, arzigogolato, inutilmente ossequioso, melenso, noioso e completamente privo di ogni personalità. Un gergo che – sia ben chiaro – lascia intendere all’interlocutore la vostra posizione (prona? No dai) di inferiorità. Poi ho – ahimè, tocca a tutti prima o poi – iniziato a lavorare in azienda, e anche io sono stato preso dentro un mondo di distinti saluti porti con grazia e dopo un a capo, di inglesismi buttati a caso, di leaderss, visionzz, business planss, callss a neverending e di paroloni scritti per nascondere frasi senza alcun senso logico e chi più ne ha, beh, più ne metta.

Iniziò così il mio scontro con la famigerata ETICHETTA, roba che cultura dei Samurai spostati (che poi i Samurai, per quanto disciplinati almeno erano fighi, meglio sventolare una Katana che un biglietto da visit… pardon, una business cardz).

Dietro a email, incontri di team building al bowling e altre robe simili si nasconde la vera insidia di un modus operandi – lo scrivere in aziendalese – che spesso trascende nel modus pensandi o, peggio ancora, vivendi. Nelle nostre strazianti vite di impiegati chiusi dentro uffici dai quali vorremmo spesso fuggire urlando e circondati da colleghi con cui vorremmo inscenare un remake di American Psycho (interpretando il protagonista, grazie) e nei quali passiamo ore, giorni, mesi, anni e vite a schivare colpe che volano ad altezza ginocchia, finiamo per diventare bambini (in corpi di adulti) colpevoli anche quando non lo siamo, sempre sul “chi va là”, costantemente pronti a passare dal passivo all’aggressivo al verso di “non sono stato io!”, “non è colpa mia”, abituati, sottoposti, piegati da un modo di vivere, parlare e pensare che da una semplice mail è diventato la realtà di tutti i giorni. 

Noi siamo quel che pensiamo: se possediamo un vocabolario di 30 parole (e non è una cosa rara, ahimè), sarà molto difficile che riusciremo a costruire un pensiero molto più complesso e articolato di quanto queste trenta parole ci permettono. Annichiliti da una routine quotidiana disumanizzante chiusi nel nostro ufficio, ogni giorno uguale a quello precedente e, mi spiace, probabilmente uguale anche a quello successivo a meno di un lavoro da svolgersi asap, l’aziendalese, con la sua ipocrisia, crea una forma mentis di sottoposti, piegati in inchini, ossequi e distinti saluti al managersss di turno, vero re di questa realtà.

La realtà di tutte le mattine, fermi a quel semaforo, nel freddo della nostra auto, con lo sguardo perso nel vuoto, magari pensando a quando da bimbi ci eravamo ripromessi che da grandi avremmo fatto i piloti d’aereo, il cuoco, il medico e invece, anche oggi, passeremo otto ore a porgere

I nostri cordiali saluti.

Poi l’aziendalese è diventato di moda nelle campagne marketing, sfruttato da aziende più o meno trendy per darsi un tono e suscitando nell’utente il senso di inferiorità necessario a generare il famigerato “shut up and take my money”. Da qualche anno, in un paese immobilizzato dalla burocrazia – e sul burocratese ci sarebbe da scrivere per ore – opuscoli, pubblicità e campagne marketing sono diventati infiniti spot basati su soluzioni narrative che spesso sfociano nel grottesco. E poi, meraviglioso, fra aziende centenarie (ma comunque giovani) leader nel loro settore, il mondo del marketing è stato colpito da una pioggia di punti messi a caso che davvero, che senso hanno? Sono davvero belli questi imperativi? Che cosa vogliono dirmi?


iPhone. Compralo. Subito.

p.s. in un mondo nel quale sono tutti leader, nessuno lo è veramente.
p.p.s. l’educazione e la professionalità sono una cosa, l’etichetta un’altra.

Lorenzo Moro

Lascia un tuo commento

Contact

Eh si, abbiamo una newsletter.
Ti registri?

Vuoi un progetto?

Aiutaci scegliendo quello che preferisci tra queste voci:

    Cosa ti aspetti maggiormente?

    CreativitàStrategia

    Che prodotto vorresti?

    Branding e corporate identityCampagna di comunicazioneWebsiteGestione socialPromo onlineSeo e posizionamentoLead generationAppCrm e marketing automationLancio prodottoAltro

    Budget

    5.000 €10.000 €20.000 €30.000 €OltreNon so

    I tuoi dati





    Se ti basta contattarci:

    Ottima scelta!

    Promettiamo che riceverai poche ma interessanti comunicazioni.

      unexpected

      Unexpected è una agenzia di comunicazione con sede a Pordenone, ma potete vederci anche come una digital agency o una web agency.
      Ci occupiamo di tutto quanto è comunicazione digitale o tradizionale ed in particolare di strategia digitale.

      address:

      [P.zzetta_masutti_004
      porcia-pordenone]
      italy
      [map]

      phone

      //+39.0434.923101//

      a brand of

      fuel s.r.l
      p.iva 01889460935

      info

      Privacy
      Cookies

      Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA v3, Privacy Policy e Terms of Service di Google.